Acquacheta | Garage 1517

on
0

Acquacheta | Garage 1517

Venerdì 31 Gennaio, ore 15.
 
Un caffè sedute al tavolino di un bar in piazza San Lorenzo a Genova, prima di avviarci verso la mostra d'illustrazione Acquacheta.
Con la cattedrale di sfondo, i caratteristici vicoli si snodano fino a portare a Vico degli Indoratori, dove fa capolino il Garage 1517 (second hand shop / music place / art space) che per la settimana dal 25 al 31 Gennaio ha ospitato l'esposizione.
 
"A Genova, l'Acquacheta scava i ponti."
E' da qui che Acquacheta ha origine e si sviluppa non solo come pretesto espositivo ma anche come esigenza di una collaborazione che attraverso un unico tema, quello dell'acqua (a cui si ispira anche il titolo stesso della mostra) possa creare immagini, sensazioni, concetti e atmosfere differenti, insinuandosi nella mente degli spettatori.
 
 
L'idea nasce da quattro ragazze, tre native genovesi e una romana ma genovese di adozione, dopo aver seguito diversi percorsi in giro per l'Europa, si sono ritrovate nella loro città di partenza: Silvia Robertelli, Giorgia Marras, Matilde Martinelli e Letizia Iannaccone.
Quattro giovani illustratrici (tra i 24 e i 25 anni), completamente diverse l'una dall'altra sono accomunate dalla volontà di portare qualcosa di stimolante nella loro città.
 
Ciascuna di esse ha interpretato il tema della mostra restando fedele alla propria scelta stilistica e concettuale, sviluppando diverse strade e facendo dell'eterogeneità la propria forza. 
Le opere in mostra sono raccolte in un catalogo interamente rilegato a mano e ordinabile tramite mail all'indirizzo comeacquacheta@gmail.com. Per questa esposizione sono state realizzate 126 copie.
 
Le quattro esordienti unite in questa occasione hanno in programma di continuare il flusso di Acquacheta rendendo la mostra itinerante e toccando diverse città italiane, non escludendo eventualità estere.
 
 
Un'opera per ogni artista.
 
Silvia Robertelli

Storia della Vagabonda Acquatica che viaggiò nelle profondità del fiume e al di
sopra della notte - Acquerello e China su carta
"Una storia che arriva da lontano, dalla tradizione orale messicana, che ci parla di
chi non riesce a stare nel mondo.
Di chi è così straordinariamente diverso da trarre ossigeno dove gli altri
affogherebbero, da soffocare al respirare la nostra stessa aria."

 

Giorgia Marras
 
Molto lontano - gouache su carta.
"Viaggiare è sempre stata una delle cose che più mi piace fare. Ho iniziato da ragazzina e da allora non ho più smesso. Anche quando ero piccolina viaggiavo. Tutte le ricreazioni alle elementari le passavo nella biblioteca della scuola, a leggere libri e sognare a occhi aperti. Anche questo non ho mai smesso di farlo.
Non ho più la mia adorata biblioteca ma basta un'immagine, un profumo, un suono, per potermi immergere nel mio mondo. Che cerco di riportare sulla carta." 

 

Matilde Martinelli
 
Aquarium - Grafite e Sovrapposizione di acetati
"L’illustrazione scientifica è un linguaggio con il quale, da sempre, trovo spontaneo
esprimermi. La ricchezza del dettaglio e la definizione sono caratteristiche affascinanti, eppure non bisogna dimenticarsi di usarle con cautela: la stampa su acetato stempera la ridondanza delle immagini più minuziose, mentre la sovrapposizione delle singole stampe dà origine a impreviste combinazioni di trasparenze, accentuandone il senso di profondità. In questo caso, di una profondità puramente acquatica."

 

Letizia Iannaccone
 
La vasca - Stampa al Cianotipo
"La cianotipia è un antico metodo di stampa fotografica caratterizzata dal tipico colore Blu di Prussia (da qui il nome che deriva dal greco antico kyanos, "blu").
Lo scienziato e astronomo inglese Sir John Herschel inventò questo procedimento nel 1842. "
 
 
Writer / Graphic Designer / Photographer /// Erika Montefinese
 
 
Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)