A.I. Gallery | Fantasia e realtà

on
0

A.I. Gallery | Fantasia e realtà

Un ragazzo, una ragazza, un bar a Largo Argentina, il numero 322 di I-D Magazine, due caffé, un tovagliolino con appuntati sei indirizzi; Così inizia questa storia. Beh in realtà c’è anche un’altra versione dei fatti. Un ragazzo, una ragazza, un I-Phone scarico, ricerca disperata di una presa della corrente, apple store con acquisto di una cover-carica batteria fasullo, delle Jeffrey Campbell molto alte e molto scomode nella borsa. Insomma scegliete voi quale versione vi piace di più. Non vi dirò qual è quella reale, magari entrambe o nessuna delle due. Invece vi racconterò quello che è successo dopo, il nostro reportage lo-fi per le vie di Roma alla scoperta di A.I. Gallery. Questa manifestazione, promossa da Altaroma, mette in connessione la creatività degli artigiani e designer con il pubblico appassionato e curioso, in uno dei pochi eventi “free” della settimana modaiola. Arte, moda e artigianato si intrecciano nella varie gallerie e luoghi d’arte del quartiere Parione, tracciando con delle linee immaginarie una grande e unica “Gallery”.
 
1- Il ponte Contemporanea. Via di Panico, 59
 
Entriamo nella galleria e la prima cosa che noto, sono due lunghe gambe snelle che spuntano da dietro una parete. Mi basta girare l'angolo per ritrovare Conny Groenewegen. Seduta a terra con una moleskine appoggiata sulle gambe, quasi in meditazione, che con gesti eleganti della mano trasforma quelle pagine bianche in sorprendenti schizzi.
 
Durezza e morbidezza, solidità e liquidità per forme scultore e inconsistenti allo stesso tempo negli abiti di Conny Croenewegen con il suo progetto Alchemy N.7.
 
2- Emmeotto. Palazzo Taverna.Via di Monte Giordano,36
 
Altalen: la terapia del cappello, per renderci personaggi irrealmente fantastici.
 
 
Teorema di Simone Rainer, borse a triangolo
 
La pochette a triangolo, nata come progetto speciale e dedicata all’isola di Stromboli, riproduzione dei tradizionali portamonete usati per contenere gli oboli durante il Cammino di Santiago di Compostela.
 
3- Galleria Marie-Laure Fleisch. Vicolo Sforza Cesarini, 3
La galleria ospita la doppia personale di Etti Abergel e Yael Balaban intitolata Anima / Viscera e una Project Room di Ofri Cnaani.
 
Gioielli tridimensionali di Stefania Lucchetta
 
4- Monitor.Via Sforza Cesarini, 43
 
“These are eyes in the darkness”, abiti dal gusto dandy dell'artista/artigiano Haans Nicholas Mott
 
5- The Gallery Apart. Via di Monserrato, 40
 
“C'era anche Sophie” borse-gioiello di Badura
 
6- Z2O Galleria|Sara Zanin. Via della Vetrina, 21
 
Navigator/Nowhere. Il viaggiatore contemporaneo di Paolo di Landro usa l'abito come bussola, alla ricerca di un luogo nuovo...
 
..si ritrova per caso in un laboratorio creato da Miltos Manetas. Un artista e un artigiano sperimentano nuove strategie creative.
 
Writer /// Nicodemo Callà
Photographer /// Bianca Bursi
Illustration ///  Oregon Pizza
Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (5 voti)