Crack Festival 2012 | CRACKPOCALYPSE

on
0

Crack Festival 2012 | CRACKPOCALYPSE

Un'ondata di caldo eccezionale soffocava Roma. Metà degli abitanti cercava scampo verso il mare, noi altri trovavamo sollievo in bottiglie alla mano di birra ghiacciata. Così capita di intraprendere un viaggio più incerto, che ci avrebbe condotto ad una fortezza imponente circondata da un fosso. Sembra l'inizio di un film fantastico ma è solo il prologo di una vorticosa discesa nei sotterranei del Forte Prenestino, dove fumettisti, artisti, disegnatori e visionari da tutto il mondo hanno dato vita al Crack Festival 2012. Scendiamo cauti le scale strette e ci capita di essere catapultati in un mondo parallelo, non lineare  e caotico. Di essere circondati da esseri infernali, mostri, strane creature del mondo onirico. E' l’APOCALISSE, ed è questo il tema prescelto per scatenare l'immaginazione del più grande network di artisti d'Europa. E perdendoci nei cunicoli capita di ritrovarci nel mezzo del delirante punk dei Cannatris o di parlare per un’ora con una fumettistica artista francese dagli occhi grandi e chiari come in un manga giapponese. Lei è Sophie, per vivere disegna storie in 3D e gira il mondo, e capita che per una decina di minuti abbondanti penso di lasciare tutto e scappare con lei.  Capita di riemergere in Piazza d’Armi quando i Thiaz Itch ci aggrediscono con suoni scriteriati, ma perfetti mentre un Cuba Libre ci schiarisce le idee. E’ CRACKPOCALYPSE, e se vi capita scendete lì sotto, può succedere di tutto.
 
 
 
 
Writer /// Davide Azzarello
Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (2 voti)