Il secondo congresso dei disegnatori | Freedom art

on
0

Il secondo congresso dei disegnatori | Freedom art

L’arte è straordinaria perché è in grado di catturare l’intimità, plasmare le caratteristiche di un essere umano per realizzarne qualcosa di irripetibile; proprio per questo ho sempre amato analizzare la figura umana, la complessità del corpo femminile e delle mani.Tutto è partito da un foglio bianco: dicono che sia l’atto del disegnare la prima identificazione che facciamo di noi stessi da bambini, per cercare la nostra identità in un gesto semplice che realizza il nostro grado di conoscenza e crescita. Attraverso un disegno manifestiamo tutto quello che con le parole non potremmo far sentire, l’arte è il linguaggio della totalità perché ci riempie e ci libera da tutto. Nel disegno troviamo simbologie, segni, icone, loghi, e un’infinità di significati che prendono vita come dentro ad un quadro dipinto che racchiude mille significati attraverso i colori. Nella mia vita ho sperimentato diverse tecniche artistiche finché ho scoperto la “poeticità” dell’acquerello e delle chine che consentono sfumature di grande effetto e potenza evocativa.
 
L’evento che vi consiglio è il secondo congresso dei disegnatori inaugurato il 10 maggio negli spazi dell’Istituto Svizzero a Roma che proseguirà fino al 30 giugno 2013.
 
Una manifestazione che ha come tema portante il motto: “Qualunque sia il vostro stile, disegnate o dipingete” e unisce artisti, tecniche ed estro creativo alla dimensione globale del pubblico osservatore “speciale” dell’arte che prende forma “live” attraverso pareti bianche per accogliere idee e intuizioni istantanee dei vari performer che con fantasia si divertono a creare con pennarelli, colori, penne, matite e carta! Una delle pochissime occasioni in Italia per poter ufficialmente esser “political s-correct” o sfogare le proprie frustrazioni attraverso l’arte. La novità è l’unione e la fusione tra le creazioni che si mescolano, dialogando attraverso il potere delle immagini amate e odiate!
 
 
La manifestazione è assolutamente gratuita, ed è nata lo scorso anno tra Roma, Berlino, Atene, Kiev e Varsavia, per volere di Paweł Althamer nella chiesa St. Elisabeth a Berlin Mitte e all’ISR a Roma, nell’ambito della “7. Berlin Biennale”.
 
Tra gli eventi creativi che si sono tenuti citiamo le art performing nello studio degli artisti Matteo Nasini e Nicola Pecoraro, nel quartiere della Magliana, mentre il 16 maggio si è tenuto il ”Workshop Saussure” ispirato al linguista francese Ferdinand de Saussure, sul legame stretto rapporto tra immagini e suoni. Dal 18 al 22 maggio si è tenuto il “Translating Europe“, viaggio creativo/geografico per scoprire location suggestive da rivalutare nell’Europa contemporanea. Da segnalare anche il “Draftmen’s Fest” che gioca sul rapporto sincretico tra suono e immagine in grado di produrre spettacolari risultati abbinando musica alla visual art.
 
Vi ricordo che sono stati previsti anche numerosi workshop per coinvolgere i protagonisti delle attività che l’ISR ha creato tra il 2012/2013: giuristi, neuroscienziati, filosofi del linguaggio, architetti, artigiani, attivisti politici, fisici e musicisti. Il 19 giugno è stata la volta dell’incontro con i giovani studenti romani.
 
Inoltre il 20 giugno, si è tenuto l’interessantissimo lab di nudo artistico “Synesthesia - Sperimentare il colore attraverso il corpo”, dove è stato protagonista il body painting attraverso i corpi nudi di cinque artisti: Giuditta Sin, Erica Heatherfield, Nicoletta Cefaly, Gonzalo Delaverga, Sophied'Ishtar, (direttamente dal sexy world “burlesque”), che si sono prestati ad esser trasformati in opere d’arte attraverso cinque colori differenti! L’esperimento direi è geniale nella sua contaminazione sensoriale nell’usare colori, facendosi coinvolgere dalla musica attraverso il disegno che prende vita grazie ad un corpo vivente, per raggiungere una forma di sperimentazione cromatica che è in grado di influire sulla nostra percezione visiva a seconda del colore. L’originalità dell’evento è stata nella possibilità che tutti hanno avuto di poter colorare sui loro corpi, oggetto della “manifestazione cromatica umana” e spazio creativo mobile. Uno degli ultimi appuntamenti sarà venerdì prossimo 28 giugno, con il “Flou Night” dalle ore 21.
 
Mi raccomando, non perdetelo assolutamente e approfittatene!
 
@Il secondo congresso dei disegnatori - archivio
Per vedere tutte le foto date un'occhiata alla pagina fb
 
Writer /// Assunta Petruzzi
Ilustration /// Flavio Ceriello
 
Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)