Talents Container | Giovani creativi di domani

on
0

Talents Container | Giovani creativi di domani

Il 6 – 8 dicembre ho partecipato all’evento Talents Container, una mostra per presentare il lavoro di 10 giovani designer italiani, organizzata da Studio DModa e ospitata all’interno degli spazi di SPQworK, a via di Portonaccio 23/B.

I protagonisti? Gli abiti creati da Quattromani, Project 149, Guen, Zora&Neva, oltre ai capi trasformisti di Wàla Lab, le calzature firmate Trenta7, le borse F2A, gli occhiali disegnati da Frank Lo e i bijoux di Giliana Mancinelli Bonafaccia ed égotique. Il filo conduttore di ogni desiger è la ricerca per l’innovazione coniugata all’attenzione per l’eleganza, un connubio riuscito, espresso da capi che trasmettono l’essenza del Made in Italy, con un tocco di artigianalità.
 


Ad accompagnare la presentazione delle collezioni, rendendo più suggestivo l’evento, è stato creato un percorso multimediale e interattivo, basato su proiezioni che toccavano ogni parete fin dall’entrata, immergendo il pubblico in un mondo parallelo. Gli artisti che hanno curato le installazioni digitali sono Visual Circus Dvsion, Giulio Pernice, Depth, Gradosei, Pix Pharm e Giulio Patrizi.

Per l’allestimento si è scelto di creare un ambiente essenziale dando maggiore risalto ai progetti dei designer, utilizzando come superfici d’appoggio scatoloni industriali bianchi, su cui proiettare le grafiche digitali. Il risultato è un ambiente accogliente, pulito ma non spoglio, pronto a mostrare le collezioni mettendole in primo piano, accompagnandole senza sopraffarle. Sarà per il gioco di luci sarà per la quantità di scatoloni, che riesce a riempire l’ambiente rendendolo personale e con carattere, la location risulta calda e pronta ad accogliere tutti gli ospiti per chicchere e scambi di idee, tra il pubblico e i designer.
 


Particolari e innovativi sono i capi pensati da Wàla Lab, indumenti che si trasformano, vestendo chi li indossa in modi differenti, interpretandoli a seconda dell’uso che se ne fa. Una collezione intelligente e pronta a rispondere alle richieste del pubblico, che acquistandone un pezzo ne può indossare tre, moltiplicando le possibilità e le varianti.

Poi i vestiti disegnati da Quattromani, un mix tra forme destrutturate unite a stampe e toni dai richiami bon ton, le libellule inondano i tessuti, ma disposte in maniera geometrica e ordinata, creeando una rivisitazione contemporanea di uno stile passato, per una donna ricercata, attenta alla moda attuale, ma con la voglia di utilizzare i vestiti per raccontare di sé.
 


E poi i bijoux, sia quelli di Giuliana Mancinelli Bonifaccia sia quelli firmati égotique. I primi simbolo di un’eleganza contemporanea, materiali preziosi, argento, rutenio nero, smalti policromi associati a pellami ricercati, elementi luccicanti, linee pulite, trasparenze, per una collezione dai richiami onirici. I secondi, creati da égotique, danno spazio all’oro, forme essenziali ma dal colore forte, per non passare inosservati, elementi geometrici, triangoli e cerchi che diventando deluxe.

Talents Container, un evento che è riuscito a mettere in mostra i giovani creativi di domani, artisti che sanno interpretare i gusti del pubblico, con collezioni che prestano attenzione a materiali e rifiniture, pronti al grande successo!
 

Writer /// Greta Procentese
Photographer /// Aurora Camaiani
 
Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)