Marc Giai Miniet

on
1

Marc Giai Miniet

Marc Giai Miniet pensa che le case delle bambole non siano roba da femminucce. Quelle che crea lui sono così graziose da essere provviste di cantiere navale, fornaci e camere iperbariche. Passeggiando nei piccoli multipiano si ammirano biblioteche polverose e sale riunioni gremite di minuscoli omaccioni barbuti impegnati in conversazioni cupe e minacciose.

Nessuna seduta per la manicure, ma il dottor Mengele che incontra l’Enigmista.
Questi capolavori di minuzia, attribuibili di primo impatto alla peggiore delle società segrete, sono in realtà il diletto dell’artigiano francese Marc Giai Miniet, che attribuisce ai prelibati balocchi un valore metaforico abbastanza intricato. Le “boîtes”, contenitori espositivi della crudeltà umana, sembrano non lasciare spazio a sfavillanti specchiere per il trucco; se ancora le state cercando fate pure, ma attenzione al cumulo di interiora nel terzo corridoio.
 
Visit http://www.marc-giai-miniet.com
 
 
 
Writer /// Sharon Falco
Graphic Designer /// Federica Russo
 
 
 
 
 
Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (6 voti)

I want it!

I want it!