PLUG Creativity | Posterheroes

on
0

PLUG Creativity | Posterheroes

Qualche post fa abbiamo parlato del concorso grafico Posterheroes, con una quarta edizione tutta dedicata al cibo. Abbiamo fatto qualche domanda al collettivo Plug Creativity, per saperne di più sull'associazione e relativo contest.
  • Ciao Francesca, quando ci siamo conosciute ero curiossissima di sapere di più su chi c’è dietro Plug e di cosa si occupa, vogliamo raccontarlo anche ai lettori di Creazina?

    PLUG è un'associazione culturale non profit che si occupa di comunicazione sociale nasce nel 2009 come “incubatore” di creatività, anzi come acceleratore, come strumento a supporto dell’innovazione e del talento più puro, valorizzati in un network di competenze e di professionalità internazionale.  Siamo una struttura completamente orizzontale e partecipativa. Cerchiamo di essere molto eterogenei e versatili dal punto di vista delle competenze, attualmente tra i membri vantiamo la partecipazione di architetti, designer, grafici, ingeneri e antropologi. Ci occupiamo di mettere al servizio della società gli strumenti della grafica e della comunicazione, chiedendo alla comunità di rivolgere la propria attenzione a temi di rilevanza globale. Vorremmo attribuire alla creatività un ruolo sociale.

  • Com’è nata l’idea di organizzare un contest come Posterheroes?

    Posterheroes nasce nel 2009 in occasione del referendum in merito all'energia nucleare. Quell'anno un gruppo di studenti del Politecnico di Torino insieme ad alcuni docenti decide di chiedere alla comunità creativa cosa ne pensa e che posizione assume in merito al tema delle energie rinnovabili e non. Rispondo ** autori da più di ** nazioni.  Il punto di forza del contest è che fin dall'inizio si propone di creare un dibattito serio e costruttivo in merito a tematiche sociali senza prendere una posizione, ma chiedendo a tutti di partecipare con la propria opinione e idea senza pregiudizi.

  • Quali sono state le difficoltà più grandi che avete trovato e al tempo stesso le soddisfazioni nel metter su l’evento?

    Realizzare un evento come Posterheroes implica una grande organizzazione. Ogni aspetto (dalla logistica alla scelta della giuria, dalla comunicazione agli strumenti informatici) è importante e richiede energie. Quest'anno il lancio è a Dublino presso il Dublin Istitute of Design in occasione della Dublin Design Week, un evento internazionale quindi, che ci rende orgogliosi ed emozionati. A chiusura del contest ci sarà la conferenza (Serve Essere Eroi 2014) ed una mostra dei lavori che quest'anno sarà nei punti vendita Eataly ... in tutta Italia! La bellezza di organizzare un evento così articolato risiede anche nell'opportunità di incontrare persone disponibili e aperte al confronto, desiderose di creare insieme qualcosa che faccia davvero la differenza, credo che questo sia l'aspetto che regala le più grandi soddisfazioni.

  • La particolarità che contraddistingue il contest è proprio l’attenzione ai temi sociali scelti. Vi aspettavate che ciò vi avrebbe portato così tanta partecipazione? Come interpretate questo dato? 

    Le persone amano esporre e condividere il proprio pensiero, ed un poster risulta essere un mezzo immediato ed efficace capace di trasmettere un messaggio meglio di altri canali. Riteniamo inoltre che la totale neutralità del concorso sia un elemento vincente, non ci sono opinioni giuste o sbagliate ma pensieri ed individualità complesse ed etorogenee che accettano di mettersi in gioco. Infine la scelta del tema risulta fondamentale... anche in termini di "social issue" ci sono mode e trend legati alla particolare situazione storica, politica culturale.

  • Il tema che avete scelto quest’anno, l’alimentazione, è davvero interessante. Come mai questa scelta?

    Volevamo prima di tutto staccarci dai temi legati alle Smart City che hanno caratterizzato i 3 anni passati. Il cibo e l'alimentazione sono argomenti complessi, profondamente connessi alla nostra italianità ma al contempo di rilevanza internazionale. Il cibo è vita e riteniamo pertanto giusto chiedere alla nostra comunità di esprimersi a riguardo... veicolando però la discussione anche sugli aspetti produttivi, logistici, sociali, insomma adottando un approccio sistemico a tutti gli effetti. Non meno importante il cibo sarà argomento centrale nell'EXPO 2015, da qui la scelta di dedicare al progetto ben due anni di concorso.
  • Ho qui tra le mani un catalogo curatissimo dell’edizione precedente che raccoglie le opere selezionate; un gran bel progetto grafico, arricchito da ottimi materiali ed una bellissima rilegatura. PLUG ama curare i dettagli?

    Assolutamente sì. Il nostro motto è la bellezza che prende vita da scelte consapevoli... in questo caso, scegliere di dare importanza ai particolari. Un progetto grafico, come accenni tu, è qualcosa che va ben oltre l'impaginato, si tratta di scegliere i materiali adatti e le tecniche che più li valorizzano. Vorremmo che da ogni nostro progetto emergesse questa attenzione e cura nelle scelte che facciamo. Per questo catalogo in particolare è stata scelta una carta speciale che deriva da scarti di altre produzioni (Crush FAVINI)... questa cartiera italiana va menzionata e lodata in quanto negli anni si è trasformata da sponsor in vero e proprio partner di progetto, attento alle dinamiche ambientali e capace di innovare (caratteristica davvero fuori dal comune negli ultimi tempi).

  • Che cosa si prova a trovare la casella di posta elettronica piena di lavori creativi che aspettano di essere guardati?

    Soddisfazione ed al contempo si percepisce il peso e la responsabilità per il progetto su cui si lavora. Negli anni non abbiamo mai messo in palio premi monetari... questo significa raddoppiare gli sforzi per creare un senso di fiducia in chi partecipa.

  • Io credo che i lettori siano già invaghiti del vostro progetto, ma in conclusione: perché partecipare a Posterheroes?

    Partecipare a Posterheroes significa avere uno spazio dove esprimere la propria idea al meglio delle proprie potenzialità, dove non c'è limite di espressione. Posterheroes non è solo un contest di grafica è incontro di talenti e confronto di idee, il tutto corredato da una giuria di esperti internazionali del settore della grafica. Partecipare a Posterheroes significa confrontarsi con il mondo.

 

 

 
Writer /// Cristina Pasquale
Illustrator /// Gerardo Lisanti
Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)