ADVertising 3.0 | Nuove frontiere della pubblicità

on
1

ADVertising 3.0 | Nuove frontiere della pubblicità

Organizzato da IED Roma, sempre attento a creare un ponte tra i suoi studenti e il mondo del lavoro, l’appuntamento primaverile tenutosi lo scorso 14 maggio 2013 di Advertising 3.0 è una finestra sul panorama della comunicazione pubblicitaria e delle agenzie creative nell’era digitale e della crisi.

Introdotto da un welcome coffee di benvenuto all’interno della nuova struttura di Porta Futuro, spazio della Provincia di Roma dedicato ai servizi di orientamento e formazione professionale, il dibattito mediato da Carlo Toscan di Italia Futura si snoda attraverso le voci esperte di influenti creativi che con le loro testimonianze invitano alla riflessione. Forte è  l’accento sui nuovi orizzonti e le opportunità di mercato per i giovani, tante le trasformazioni e le inversioni di ruoli.

“Un vero e proprio cambiamento strutturale”, ci informa Francesco Taddeucci, direttore creativo dell’agenzia Humans di Roma, “Si richiedono ora più che mai maggiori competenze estese trasversalmente in più ambiti, dalla fotografia al video passando per la musica.”

La ricreazione è terminata quindi, per dirla con le parole di Pia Elliott, esperta di comunicazione, gli scenari mutano in fretta e la capacità di adattamento diventa un requisito essenziale se non si vuole colare a picco. E mentre il mondo, in paesi come l’Olanda, la Cina e l’India, risponde alla crisi con innovazioni, provocazioni e leggerezza, l’Italia resta in ombra scegliendo la via facilitata della riproposizione di schemi consolidati ma obsoleti, stagnando così il sistema creativo e pubblicitario. “Cosa possiamo aspettarci da un paese che ritorna a Carosello?” Incalza Pia.

E’ della stessa idea Marco Carnevale, direttore creativo dell’agenzia Yes I am, che attraverso comparazioni di spot, slogan e manifesti , ci apre gli occhi su un paese in cui più che la crisi economica, è la crisi di idee a fare danni. Il silenzio,la manipolazione e la cattiva informazione spengono tutto. Reazione dunque e un pizzico di coraggio nel mettersi in gioco!  Apertura  verso i cambiamenti, flessibilità, innovazione e condivisione.
 
E’ questo l’invito da cogliere assieme ad un ingrediente essenziale: la lungimiranza. E proprio in tema di menti lungimiranti, ricordiamo le parole più che mai attuali di Albert Einstein risalenti al lontano 1931: “La crisi è la più grande benedizione poiché è in essa che sorge l’inventiva. Senza crisi non ci sono sfide, non c’è merito. La vera crisi è la crisi dell’incompetenza, la tragedia sta nel non voler lottare per superarla.”
Lavoriamo duro. Ripartiamo. Ora.
 
Writer / Photographer /// Daria Craparo
Il tuo voto: Nessuno Media: 3.7 (3 voti)

Brava Daria!

Brava Daria!