Hyungkoo Lee | Scheletri (In)Animatus

on
0

Hyungkoo Lee | Scheletri (In)Animatus

Raramente qualcuno ha reso tanto reali personaggi appartenenti all’immaginario comune quanto Hyungkoo Lee, artista sudcoreano che ha rivolto un interesse artistico e “quasi scientifico” ad alcuni tra i più popolari eroi dei cartoni animati di Walt Disney e Warner Bros. Nella serie “Animatus”, Lee spoglia – e non in senso metaforico - di pelle e piume Paperino, Bugs Bunny e molti altri, realizzando, con l’abilità di un paleontologo, sculture che ne rappresentano le strutture scheletriche; e così, mescolando resina, alluminio, acciaio ed altri materiali simili, l’artista immortala lo scheletro di Wile E. Coyote in una delle sue pose caratteristiche, nell’atto cioè di rincorrere lo scheletro di Road Runner. Alla base del progetto vi è anzitutto uno spropositato interesse per l’anatomia, umana ed animale, seguito dalla volontà, meno scientifica e più sociologica, di scoprire quello che si nasconde al di sotto dei personaggi animati, creati dall’uomo per dare corpo/esorcizzare gioie e dolori : spogliandoli di tutto, Lee ne scruta allora l’ossatura, finendo con lo scoprire che gli scheletri di Tom&Jerry non sono altro che le espressioni dei desideri e delle paure dei loro stessi creatori.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Writer /// Chiara Crescenzi
Graphic Designer /// Ambra Di Carlo
Il tuo voto: Nessuno Media: 4.5 (2 voti)