L'arte del Tatto | Dialogo nel Buio

on
0

L'arte del Tatto | Dialogo nel Buio

Uno dei difetti dell'abitudine è quello di far sembrare tutto scontato. Certo, non possiamo passare la vita a meravigliarci di avere le unghie, o di poter piegare le ginocchia, però a volte ci vorrebbe un po' di consapevolezza in più: ci accorgeremmo di tante cose che prima non degnavamo minimamente di attenzione. È questo uno degli scopi di Dialogo nel Buio, progetto allestito dal 2005 presso l'Istituto dei Ciechi di Milano. Infatti, “Dialogo nel Buio non è una simulazione della cecità, ma l’invito a sperimentare come la percezione della realtà e la comunicazione possano essere molto più profonde e intense in assenza della luce”. In sostanza si tratta di un percorso, all'interno di un ambiente con totale assenza di luce, che si snoda tra riproduzioni di ambienti da esplorare esclusivamente tramite i sensi del tatto, dell'udito, dell'olfatto e del gusto. È un'esperienza disorientante, soprattutto per gli amanti delle arti visive, ma anche per tutti coloro che sono abituati a fare affidamento principalmente sulla propria vista; tuttavia, è anche l'occasione per scoprire dimensioni totalmente nuove. Oltre la mostra principale, ci sono tanti altri progetti dei quali Dialogo nel Buio si occupa, dal Teatro al Buio al Cafènoir (i nomi dicono tutto), passando per L'arte del Tatto, una mostra di riproduzioni di opere d'arte classica, anch'esse, ovviamente, tutte da toccare e annusare. Preparatevi dunque per un viaggio entusiasmante, perché, come dice l'insegna all'ingresso, “Non occorre guardare per vedere lontano”.
 
 
Writer /// Elena De Luca
Graphic Designer /// Daniele Zana
 
Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)